Comitato Politico di Scopo - MARSS - Movimento Associativo per la Revisione della Storia del Sud Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Comitato Politico di Scopo

Premesse
Dopo il successo della petizione 748/2015 dichiarata ammissibile dal Parlamento europeo il 17 marzo 2016 sono avvenuti importanti sviluppi. La petizione si vedeva accettare le due richiesta fatte da circa 10.500 cittadini del meridione d’Italia ovvero 1) un’iniziativa revisionista sulla Storia risorgimentale italiana con l’istituzione di una giornata alla memoria delle vittime del cruento processo di unificazione nazionale e 2) una più equa ripartizione dei mezzi dello Stato commisurata alla popolazione residente nel meridione si stimò allora nella misura del 34.43% del totale ( prima la media degli ultimi 11 anni era pari al 22% circa ed applicando tale nuovo, rivoluzionario e democratico criterio il meridione d’Italia potrà beneficiare di un incremento superiore al 50% di detti mezzi che saranno riconosciuti dalle amministrazioni centrali dello Stato nelle 8 regioni meridionali, Sud peninsulare ed Isole. Con la legge 145/2018 (legge di bilancio, ai punti 597, 598, 599 e 600) tale criterio è stato esteso anche a due partecipate dello Stato ANAS e Rete Ferroviaria Italiana (RFI).
Il 21 giugno 2018 un gruppo di cittadini italiani furono ricevuti da alcuni parlamentari nella sala Aldo Moro del Palazzo dei Gruppi a Montecitorio. In quella sede nella discussione sulle richieste accettate dal Parlamento europeo furono realizzati due importati risultati: un tavolo permanente sulle problematiche che affliggono il meridione e l’estensione dei temi trattati e meglio sviluppati in una presentazione da tenersi nell’antistante Auletta dei Gruppi ( 286 posti ) estesa ad un numero più elevato di parlamentari.
Per una serie di ragioni che non staremo qui ad approfondire, tali 2 fondamentali risultati furono sospesi a data da destinarsi. Il Comitato Politico di Scopo senza insegne o appartenenze ed aperto a tutti gli italiani che hanno a cuore il futuro del nostro Paese prende vita dall’esigenza di realizzare quanto sospeso per avviare un processo di reale unificazione italiana basata sulla verità e condivisa da tutti gli uomini in buona fede.

Punti qualificanti
 
  • Il Comitato Politico di Scopo si forma sulla condivisone di 7 punti oggettivamente meridionalisti e che possono essere condivisi da tutte le parti in quanto non sono elementi di conflitto ideologico.
  • Non ha velleità di formare un nuovo movimento meridionalista in quanto oramai il numero di queste organizzazioni è piuttosto elevato e rappresentativo di un vasto orizzonte di consenso.
  • I 7 punti del Comitato Politico di Scopo sono rivedibili entro il 31 maggio da parte di ciascuna organizzazione aderente che potrà suggerire modifiche ed integrazioni del Testo Costitutivo ancora in stato di bozza che sarà via via aggiornato.
  • Ogni organizzazione dovrà inviare entro il 31 maggio 2019 all'indirizzo pcd@assomarss.it una breve presentazione della stessa  contenente la volontà di adesione al Comitato. Tale documento dovrà essere costituito da una ed una sola pagina formato A4. Sottoscritta da chi la rappresenta.
  • Sarà possibile inviare proposte di modifica ed integrazione al Testo Costitutivo purché concrete e realizzabili.
  • Tutte le adesioni ricevute renderanno attivo il Comitato Politico di Scopo che inizierà la sua opera tesa al raggiungimento degli obiettivi condivisi

Il riscatto del meridione passa tramite iniziative come questa che intendono percorrere strade istituzionali per raggiungere quegli obiettivi oramai non più procrastinabili tesi a rafforzare l'Italia ed condividere il suo progetto nella verità.

Giancarlo Chiari - Presidente MARSS
 
 
 
 

 
Torna ai contenuti | Torna al menu